Il risveglio di Sandrone - Oreopithecus bambolii

Destinatari: scuola primaria di primo grado

 

Durata: 2 ore circa 

 

Descrizione: L’itinerario si compone di tre parti                                                                                       

 

Prima parte: Aula Vialli. Oreopithecus bambolii(perché ritrovato sul monte Bambolii in provincia di Grosseto), soprannominato Sandrone dai Toscani, è il protagonista di questo itinerario.

L’eccezionale reperto, che si osserva all’inizio del percorso, venne donato da Johannes Hurzeler negli anni ’60 a Vittorio Vialli, allora direttore del Museo.

Dall’osservazione attenta degli elementi scheletrici, scopriamo che questo primate presenta una sorta di mosaico di caratteri che lo avvicinano alle scimmie in senso stretto, alle grandi scimmie antropomorfe e agli ominidi.

Oreopithecus  è quindi un primate che, in seguito ad una evoluzione di tipo insulare, legata all’ambiente in cui viveva, ha acquisito caratteristiche molto particolari.

 

Seconda parte: Visione dell’itinerario multimediale “Il risveglio di Sandrone”. Il DvDRom multimediale, interattivo, lineare e narrativo è di grande coinvolgimento emotivo e vuole stimolare la dimensione fantacognitiva dei bambini. E’ stata scelta, infatti, come metafora il viaggio, immaginando che l’Oreopithecus si possa magicamente risvegliare dopo nove milioni di anni, uscire dalla sua vetrina e avventurarsi tra le sale del museo, per cercare i reperti fossili degli animali a lui coevi, ricostruendo così la propria storia.

Il linguaggio è semplice, diretto e divertente.

 

Terza parte: Visita al Museo. Attraverso l’osservazione dei reperti di flora e fauna del Miocene superiore, già incontrati dal nostro personaggio nell’itinerario virtuale, ricostruiamo  l’habitat e il modo di vivere di Oreopithecus bambolii.

 

Obiettivi:

  • Ricostruire attraverso i fossili, l’habitat e il modo di vivere degli animali vissuti nel Miocene (9-7 milioni di anni fa);
  • Favorire la comprensione dello sviluppo della storia nei suoi aspetti naturalistici (Evoluzione-Adattamento-Estinzione);
  • Favorire un approccio alla metodologia scientifica della ricerca paleontologica e del pensiero scientifico (ipotesi-analisi-verifica-tesi);
  • Valorizzare i reperti del Museo come fonte storico/scientifica.

Il prodotto multimediale “Il risveglio di Sandrone” realizzato in collaborazione con il Laboratorio di Informatica dello SMA, è in distribuzione al museo, e potrà essere utilizzato a scuola.

L’idea è quella di favorire un collegamento ancora più organico tra visita al museo e programmazione scolastica, inserendo, senza soluzioni di continuità, il lavoro svolto al museo e quello precedente e successivo fatto in classe. Inoltre consente di poter vivere un itinerario virtuale del Museo, memoria di un’esperienza significativa.

 

Tipologia formativa: scoperta/informazione

 

Museo Geologico Giovanni Capellini

via Zamboni, 63 40126 Bologna

Orario di apertura al pubblico:

Dal lunedì al venerdì dalle ore 9:00 alle ore 13:00

Sabato, Domenica e Festivi dalle ore 10:00 alle 18:00

Chiusure: 1 Gennaio, 1 Maggio, 15 Agosto, 24 e 25 Dicembre.

Per informazioni:

tel. 051 2094555
email: gigliola.bacci@unibo.it

Per le scuole:

Per concordare data e percorso didattico, visitare la sezione Aula Didattica e telefonare al numero 0512094593.

Giuseppe Cosentino

Elide Schiavazzi  elide.schiavazzi@unibo.it

 

Links and partners:

L'agenzia di viaggi online Expedia ti aiuterà a trovare una camera di classe.